Mediterraneo, nuovo lago di Tiberiade (4/5/58)


Questa lettera (La Pira stesso, inviandola a Mons. Dell’Acqua qualifica come "tappa" di una meditazione unica che lentamente si svolge nella mia anima: mi pare che sia questa la linea fondamentale della storia di oggi! ) sollecita Pio XII ad una particolare attenzione al dialogo mediterraneo.

(...) il Mediterraneo «il lago di Tiberiade» del nuovo universo delle nazioni: le nazioni che sono nelle rive di questo lago sono nazioni adoratrici del Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe; del Dio vero e vivo. Queste nazioni, col lago che esse circondano, costituiscono l'asse religioso e civile attorno a cui deve gravitare questo nuovo Cosmo delle nazioni.

(...) E praticamente cosa fare? Cosa deve fare l'Italia cristiana? Preoccuparsi (con la preghiera, con la meditazione e con l'azione prudente, ma intelligente e a «largo respiro») della «unificazione», della convergenza, di queste nazioni mediterranee: svolgere la propria azione politica, economica, culturale, sociale (religiosa) ecc. in vista della costituzione di questo «centro» del nuovo universo delle nazioni: in vista della costituzione di questo punto di attrazione e di gravitazione delle nazioni: perché da Oriente e da Occidente le nazioni «vengano a bagnarsi» in questo grande lago di Tiberiade, che è, per definizione, il lago di tutta la terra.

Per il testo completo della lettera CLICCA QUI