Lettere al Carmelo-bruciare d'amore per lui

 

 

Firenze, Stigmate di S. Francesco [17 settembre] 1935

Reverenda Madre,

l'adorabile Cuore di Gesù ed il Cuore immacolato di Maria riversino sopra di lei, sulla Rev. Madre Priora e su tutta la Comunità l'oceano ineffabile delle grazie celesti! Tutto il Monastero di S. M. Maddalena sia veramente un incendio santo di carità!
Come ciò è necessario proprio nei tempi che corrono! Oh, si moltiplichi smisuratamente il numero delle anime che si danno a Gesù, affinché questo calore divino abbia a riscaldar tanta umanità che è lontana da Dio.
C'è bisogno urgente di riannunziare al mondo i tesori di amore che il Signore benedetto è venuto a spargere nei cuori! Creda tanto tempo è passato dalla venuta del Signore sulla terra e ancora tante anime ignorano questo dolce mistero di amore di salvezza!
Come fare, dunque, per fare echeggiare sulla terra questo nunzio celeste? Le anime sono nella maggior parte distratte; come possono, quindi, intendere il richiamo soavissimo dello Spirito Santo che parla soltanto ai puri di cuore ed alle menti raccolte? Non ci resta che un grande mezzo: aumentare il nostro interiore fervore, diventare con Gesù una unità sempre più consumata: trahe me post te curremus in odorem unguentorum tuorum. Doniamoci almeno noi interamente all'Amore: facciamo il nostro cuore santamente ospitale; sia un vero chiostro ove il Signore trovi le sue delizie; un incensiere verginale che ha davvero profumi celesti, desideri ardentissimi, fiamme divampanti di carità!
Unam petii a Domino hanc requiram ut inhabitem in domo Domini omnibus diebus vitae meae.
Madre Rev., il nostro cuore sia come il Cuore dolcissimo Maria: uno scrigno santo ove vengono deposte e vengono contemplate le perle della parola divina.
Come bello quando potremo davvero dire col cuore traboccante di viva tenerezza: mio Signore e mio Dio!
Creature di Dio, templi di Dio, figli del Paradiso; ecco quelli che noi vogliamo essere: non più un solo pensiero e un solo affetto di terra alberghi nell'anima nostra: ma tutto il nostro essere sia immerso nella divina bellezza, nei silenzi santi, nella contemplazione amanti della croce di Gesù!
Maria meliorem partem elegit quae non auferetur ab ea!
Anche a noi che viviamo nel mondo conceda Iddio questa totale immersione nell'adorazione e nel silenzio: ci nasconda proprio profondamente nel Cuore trafitto di Gesù! Solo a questo patto potremo davvero serbarci quali Egli ci desidera: creature Sue, anime consacrate, portatori di luce, annunziatori verginali di Gesù! E, dunque, Madre Rev. continui e faccia continuare grandi orazioni per noi tutti: diamoci la mano; sosteniamoci fortemente: con le forze unite, con l'occhio interiore rivolto intensamente al Signore, sotto lo sguardo dolce della Madonna, potremo propagandare nel mondo il dolce annunzio del Signore.
Preghino in modo speciale per un corso di Esercizi per giovani che si terrà dal 30 otto al 3 nov.; e per un altro giorno di ritiro che avrà luogo verso fine settembre. Mi ricordi alla Rev. Madre Priora e alle sue buone consorelle. Ella preghi molto per me: dica al Signore che non desidero se non una cosa sola: bruciare senza interruzione, notte e giorno, di amore per Lui!
Tanto: è cosi poco amato; perché allora non compensare noi? Amare l'Amore non amato! Non è questo l'ideale di S. M. Maddalena de' Pazzi?

Suo nel Signore
La Pira