La conclusione del Concilio

Al termine del Concilio Ecumenico, La Pira scrive a Paolo VI una lettera in cui rilegge le grandi linee di un decennio di storia della Chiesa alla luce dell’ipotesi di un percorso di progressiva unificazione della Chiesa e delle nazioni: 
…Unità della Chiesa e pace del mondo: questa è la primavera e l’estate della storia della Chiesa e del mondo: questo è quello che Pio XII (sotto la luce di Fatima) vide e disse: questo è quello che Giovanni XXIII, nel giorno stesso della Sua elezione, vide e disse …questo è quello che Giovanni XXIII intese fare (instinctu Spiritus Santi) indicendo il Concilio …
Questo … è ciò che ha tatto e fa Paolo VI; dalla sua elezione, alla continuazione del Concilio; dalla Enciclica del dialogo (Ecclesiam suam) ai viaggi di Palestina, di Bombay, di New York (ONU) …
In questa stessa luce La Pira ripropone tutta l’azione da lui stesso fatta negli anni precedenti:
(…) Chiese separate di Oriente (Costantinopoli, Mosca, Alessandria, Gerusalemme etc.) e di Occidente (Londra, Ginevra etc.; Israele, Islam; movimento di “convergenza”; di “unità”: ecco il motivo animatore di tutta l’azione fiorentina nel periodo che va dal 1957 al 1965! 
E conclude con una proposta ardita: 
…Ed a questo punto risorge una domanda, una inevitabile domanda: - perché Firenze non potrebbe rifare per Pechino quello che ha già fatto per Mosca? (…) Le cose sperimentate ieri non possono essere lezione feconda per le cose da sperimentare domani


Per il testo completo della lettera CLICCA QUI