Il matrimonio della sorella

 

 

 

ImageNel 1930 la sorella di La Pira, Giuseppina (Pozzallo 1908-1980), sposa Giuseppe Angelino. La Pira scrive in questa occasione a Peppina ed al futuro cognato Giuseppe (che ancora non conosce) due lettere che rispecchiano la sua spiritualità.
(…) Così nella preghiera pensosa, tu proverai la gioia grande che dà a noi l'essere cristiani. E cristiana tu siilo sempre: nella modestia del vestire, nella prudenza del parlare, nell' amore puro e fedele per lo sposo, nell'amore grande e cristiano per i figli. 
Così, in mezzo alle difficoltà che la vita non manca di offrirci, tu sarai come una barca solidamente legata a quello scoglio infrangibile che è Gesù. Tutte le ondate le più furiose non potranno mai abbattere né te né la tua famiglia: perché quando Gesù è con noi, noi siamo anime ricche di forza e nessuno potrà vincerci(…). 
 E ancora: Voglio dirti una cosa: non avere mai rispetti umani: non curarti mai di quello che dice la gente, ma solo di quello che dice la tua coscienza e Dio che ti giudica. Se la tua coscienza ti rimprovera, allora non compiere mai, a nessun costo, quell'atto che invece vorrebbe la gente che tu facessi. Perché per la dirittura morale bisogna disprezzare ricchezze, onori e stima. Nel lavoro onorato, nel sudore duro trova la gioia che il Signore dona di pace interiore a quelli che faticano per l'onestà della vita.




Per il testo completo delle due lettere  CLICCA QUI


Per andare alle altre lettere scritte ai familiari CLICCA QUI