I tetti di Firenze

 

Anche quando interveniva all’inaugurazione di una mostra di pittura, La Pira (che aveva moltissimi amici tra i pittori fiorentini) non diceva parole di circostanza o di cortesia.

C’è un breve testo, tratto da una registrazione amatoriale, che illustra quanto qui detto e che mostra anche quanto La Pira –non fiorentino- amasse Firenze e quanto la avesse capita “nella sua anima”:

Quale è il mistero dei tetti di Firenze? (...)

Provatevi a guardarli, meditando, da Piazzale Michelangelo e da S. Miniato: è vero o non che essi formano, attorno al duplice centro della Cupola di S. Maria del Fiore e della Torre di Palazzo Vecchio, un «tutto» armoniosamente unito, quasi un sistema di proporzioni geometriche ed architettoniche che esprimono, come il «sistema stellare», ordine, bellezza, preghiera, riposo e pace? 

(…)«Gerusalemme, Gerusalemme,... quante volte ho voluto radunare i tuoi figli, come la gallina raduna i suoi pulcini sotto le ali, e non hai voluto» (S. Matteo XXIII, 37). 

La cupola di Brunelleschi e i tetti che, come sotto le ali ad essa si coordinano, ed in essa di uniscono! Gerusalemme non era forse la trascrizione architettonica «urbanistica» di questa unità divina? 

E Firenze non è appunto -ancora più perfezionata e più armoniosamente costruita- lo specchio, in certo senso, di questo «archetipo divino»? 

Per il testo completo CLICCA QUI

Per tornare a "Introduzione ai testi 1951-1957" CLICCA QUI