I giovani sono come le rondini

Alla fine del febbraio del 1964, fu organizzata a Firenze la Conferenza Internazionale della Gioventù per la Pace e il Disarmo. La Pira accettò di ospitarla in Palazzo Vecchio ed intervenne alla sessione inaugurale con un discorso sulla prospettiva storica della progressiva unità del mondo (…) I popoli e le nazioni di tutto il mondo costituiscono, ormai, ogni giorno più -a tutti i livelli- una unità indissociabile (anche se -come ogni vera unità- plurima e, perciò, riccamente articolata: "multitudo ordinata! "), significa che i problemi scientifici, tecnici, economici, sociali, politici, culturali e religiosi di ogni popolo sono problemi la cui soluzione interessa organicamente tutti gli altri popoli del globo! 

 Tutti i muri sono spezzati: tutte le barriere sono infrante; tutti gli schemi mentali di divisione sono tolti; i confini dei popoli sono trasformati da muri che dividono in ponti che uniscono! (…)


 
Le generazioni nuove sono, appunto, come gli uccelli migratori: come le rondini: sentono il tempo, sentono la stagione: quando viene la primavera essi si muovono ordinatamente, sospinti da un invincibile istinto vitale - che indica loro la rotta e i porti!- verso la terra ove la primavera è in fiore!
Così le generazioni nuove del tempo nostro: "haec est generatio quaerentium eum". (…)
[Occorrono] piani mondiali (biblici anche essi), perciò, per sradicare ovunque la fame, la disoccupazione e la miseria (ancora due miliardi di denutriti); per sradicare ovunque l'ignoranza (un uomo su due non sa ancora leggere); per combattere ovunque la malattia e prolungare la vita; per sradicare ovunque la schiavitù e la tirannia (il colonialismo; il fascismo ed il nazismo; il razzismo; l'antisemitismo; il nazionalismo; lo statalismo, il dogmatismo, l'ateismo di Stato, lo stalinismo)! 

Per il testo completo CLICCA QUI 

Per tornare a "Introduzione ai testi 1958-1965" CLICCA QUI