Distensione in Europa

 

È l’Europa l’area del mondo in cui maggiori sono, nel dopoguerra e fino alla fine degli anni Ottanta, le tensioni e i rischi di un conflitto diretto tra la NATO e il Patto di Varsavia.

Per questo gli sforzi di numerose personalità dell’Europa Occidentale ed Orientale si concentrarono sui problemi dell’allentamento della tensione in questo continente, tensione militare, ma anche politica e culturale. Anche La Pira si impegnò a fondo in questo campo, fino dai Convegni fiorentini degli anni Cinquanta.

Il problema della riduzione degli armamenti in Europa è uno dei temi su cui insiste nelle Tavole Rotonde Est-Ovest , nelle sue lettere ai Papi ed è un aspetto centrale della sua presidenza della Federazione delle Città Unite e della sua attività nei primi anni Settanta e fino alla Conferenza di Helsinki .

Quest’ultima segna per La Pira un traguardo fondamentale, non soltanto per la storia dell’Europa ma per l’inaugurazione di una nuova modalità nelle relazioni internazionali: “tutta l’Europa, dall’Atlantico agli Urali, diventa la leva di Archimede destinata a sollevare verso il monte dell’unità e della giustizia il mondo intero… da qui il superamento dei blocchi e il disarmo si estenderanno a tutti i continenti; da qui l’onda del negoziato e della pace investirà i popoli di tutta la terra!...” (discorso al Congresso FMCU Sofia)

Per tornare a "La Pace" CLICCA QUI